Centri di ascolto e di aiuto

Nelle parrocchie o anche nelle zone di ogni città vi sono centri di aiuto in cui si dà un sostegno immediato (vestiti, generi alimentari) secondo delle regole che servono per evitare abusi. Ci sono poi i Centri di ascolto, con l’obiettivo di comprendere meglio cosa vi sta dietro il bisogno immediato e come accompagnare e orientare in un cammino di promozione della propria dignità e autonomia, e non solo di assistenza.

 

 

 

 

Per la pronta accoglienza ci si può rivolgere al Portico di Betsaida, realtà che opera accoglie a breve e meglio termine nell’ottica dell’housing sociale, con percorsi in cui non è necessaria la presenza costante di operatori.

 

 

 

Per contatti e accesso: Antonluca Candiano e Martina Morana cell. 3342180383

 

 

 

Per segnalare situazioni di bisogno propria altrui, in vista di un accompagnamento e orientamento, si possono contattare i Centri di ascolto degli otto vicariati presenti nel file riportato in allegato (Indirizzario per sito.doc).

 

 

 

 

Per il microcredito rivolgersi:

 

 

 - per la zona del siracusano, al Centro di ascolto di Pachino (te. 0931.592510sabato dalle 10 alle 12,30, ass. soc. Graziana Sarta);

 

 - per la zona del ragusano al Centro di ascolto di Modica (tel. 0932.948998 mercoledì dalle 16,30 alle 19, ass. sociale Rosalba Viola, mail: rosalbaviola@virgilio.it).

 

 

Per accompagnare i giovani nella ricerca di un senso e di una concretizzazione del proprio progetto lavorativo, ci si può rivolgere al Centro di animazione territoriale del progetto Policoro, presso la sede della Caritas diocesana in via Mons. Blandini 9 a Noto, aperto dalle ore 9 alle  ore 12 di  martedì; mercoledì; giovedì. Per informazioni o appuntamenti rivolgersi a: Salvo, cell. 3488867328 - email: progettopolicoro@diocesinoto.it

 

 

 

 

 

 Si riportano tre file relativi all’identità e alla metodologia dei Centri di ascolto, ad una riflessione biblica sull’ascolto, all’esperienza del microcredito in diocesi.

 

In fondo invece è possibile accedere alla Scheda per la presa in carico degli utenti dei centri d'ascolto diocesani.